lunedì 22 dicembre 2008

Triologia della Villeggiatura , la modernità di Goldoni



Triologia della Villeggiatura
di Carlo Goldoni
Regia di Toni Servillo


Lo spettacolo si compone di tre “commedie consecutive” (citaz. da Goldoni).
La prima è intitolata: “le smanie per la villeggiatura” e rappresenta i folli preparativi alla villeggiatura in campagna di vari componenti dell’alta società livornese (nobili, borghesi, scrocconi di buona famiglia).
L’intermezzo prende il nome di: “le avventure della villeggiatura”, narra i giorni delle ferie trascorse a rincorrere cupido, scialacquare denaro al gioco, oziare accumulando debiti.
La terza commedia, “il ritorno dalla villeggiatura”, affronta le penose conseguenze della prodiga condotta vacanziera, dove un grande amore si tramuterà in dramma irreversibile e i creditori busseranno insistentemente alla porta dei rei sperperatori di denari, minacciando la loro reputazione nell'alta società.


Goldoni annota sulla prefazione della triologia:
“i personaggi principali di queste tre rappresentazioni, che sono sempre gli stessi, sono di quell’ordine di persone che ho voluto prendere precisamente di mira; cioè di un rango civile, non nobile e non ricco; poiché i nobili e ricchi sono autorizzati dal grado e dalla fortuna a fare qualche cosa di più degli altri. L’ambizione de’ piccioli vuol figurare coi grandi, e questo è il ridicolo ch’io ho cercato di porre in veduta, per correggerlo, se fia possibile”.

Assistiamo alla messa in scena di un illuminismo popolare:
i personaggi della commedia, (servi, nobili, borghesia mercantile), entrano in conflitto fra di loro finendo per svestire ogni ipocrisia.
I servi, (Paolino e Brigida), sorridono della loro vita semplice dispensando intelligenza nei consigli pratici suggeriti ripetutamente ai padroni.
I nobili, vuoti di valori e accecati dall’agiatezza, si lasciano condurre per mano, a volte raggirare, dai consiglieri come Fulgenzio, in un turbinio di cambiamenti di opinione degni della più grottesca ottusità.
Infine ci sono i borghesi, l’autore li dipinge intenti a inseguire il modello di vita nobiliare, quasi alla ricerca di un riscatto di egualianza nel gradino elevato dell’aristocrazia; in questa rincorsa finiscono per rovinarsi pur di imitare stili al di sopra delle righe e dei loro portafogli!
L’umorismo goldoniano condisce piacevolmente questa commedia e servo della verità, fende come una spada l’orgoglio dei vanitosi divenendo giudice sarcastico dei comportamenti licenziosi.
I ruoli nei giochi sono severamente distinti ma affermazione e riscatto spettano a tutti, esibendo o salvaguardando l’onore di fronte alla pubblica opinione.

Oggi, potremmo riflettere sull’attualità dell’opera teatrale di Goldoni, perché le divisioni nella nostra società sono ancora consolidatissime, il consumismo ci impone scelte di vita indifferenziate e l’apparenza viene sovente inseguita a suon di debiti.



Vi consiglio di prenotare un posto a teatro e lasciarvi coinvolgere dalla travolgente recitazione di Toni Servillo, (interpreta Ferdinando), e dai bravissimi: Francesco Paglino (Paolino), Eva Cambiale (Vittoria), Paolo Graziosi (Filippo), Anna della Rosa (Giacinta), Chiara Baffi (Brigida). Una menzione particolare la meritano anche Carlo Sala per le scenografie, (folgorante la sua idea di come rappresentare la calura estiva della campagna) e i costumi di Ortensia de Francesco.





- - - - - - - - - - - - - Spazio Personale - - - - - - - -

Ringrazio il Gap per il premio Dardos, anche se già ricevuto e lo giro amabilmente a tutti i bloggers citati nella Blog Roll.
Sto imparando molte cose da queste "teste di capra", come ama dire L'Incarcerato.
Un ringraziamento particolare a Punzy, puro sarcasmo urbano.

Con stima,
Mente Persa (Gio)

35 commenti:

hollow ha detto...

Un po' sottotono l'attore che interpreta il futuro marito di Giacinta.

clochard ha detto...

Buone Feste.Passavo e ti ho letta.
Clochard

Daniele Verzetti il Rockpoeta ha detto...

Se arriva a Genova lo andrò a vedere. Concordo sull'attualità di Goldoni e di questo testo oggi.

PS: complimenti per il premio meritato ma... "Teste di Capra" ci chiama L'Incarcerato e non Marco di Schiavi o Liberi.

Ciao :-)))
Daniele

il Russo ha detto...

Vorrei spezzare una lancia a favore di Tony Servillo: la dimostrazione che la scuola del teatro premia ancora i bravi prima dei tanti miracolati che ci sono in Italia.

Luana ha detto...

..."le divisioni nella nostra società sono ancora consolidatissime, il consumismo ci impone scelte di vita indifferenziate e l’apparenza viene sovente inseguita a suon di debiti..." ma quanto mi piace la tua testa! :)
Se dovessi venire un giorno nella mia città, ti parrebbe di stare in una città di ricconi, tantissima gente col Suv...semplici impiegati a cui piace vivere sopra le righe e che dopo qualche tempo si vede recapitare a casa i decreti ingiuntivi, per mancato pagamento.
Attualissimo.
Bacio

Punzy ha detto...

viste tempo fa, a napoli, adoro goldoni
e grazie per il gentile pensiero, anche se ormai sono diventata la più acida della blogosfera :)

XPX ha detto...

Ma lo sai che non sono mai stato a teatro ...
Buone Feste ^___^

progvolution ha detto...

passavo e mi accodo agli altri negli auguri di Buone feste!
Sussurri obliqui

marina ha detto...

lascio gli auguri e scappo
Buone feste nonostante le feste! (come dice la mia amica Sara)
marina

TIZIANO TESCARO communicator,Vicenza ha detto...

Ciao carissima Giò, buon Natale e felice 2009. :-))

Rouge ha detto...

Mi piace Servillo, quasi quanto il fratello Avion Travel.
Compliments per il premio.

La Mente Persa ha detto...

@Rockpoeta: si, ho sbagliato quando ho scritto il testo ^^

@Russo- Rouge: hai perfettamente ragione, lui è un grande in bravura e passione per la sua arte.

@Luana: grazie ^^ Ti auguro buone feste, abbraccio -gio

@Punzy: intelligentemente acida ;)

@xpx: non è mai troppo tardi :)

@Progvolution - Marina - Tiziano: auguroni anche a voi :)

♥gabrybabelle (^..^) ha detto...

[[il consumismo ci impone scelte di vita indifferenziate e l’apparenza viene sovente inseguita a suon di debiti]]


Come spesso mi accade mi ritrovo nel pensiero del Russo,oserei aggiungere che i "miracolati" della pellicola in effetti sono qualcosaltro,non scrivo che cosa,siamo sotto le feste e non vorrei sporcare il tuo blog ma immagino cara Jo che tu sappia che intendo-Chi calca il teatro,chi respira la polvere delle tavole di un teatro è degno rappresentante(anche se non tutti)e Servillo per me è una grande attore,spero che il suo film o meglio la sua interpretazione di Gomorra sia "pagata"con un oscar,magari al miglior attore straniero,lo meriterebbe in pieno-
IO jo,ti lascio un prosaico e laico augurio di buone feste se si puo' se ce la si fa,volendo,....
Mio caro JO AUGURI , si,AUGURI SINCERI se si puo' se si vuole,facendo uno sforzo,
credendoci profondamente-
Ne abbiamo bisogno tutti
auguri di cuore anche da...

babbo Natale e le renne pazze musicali


Clicca sulle renne e ascolta il concertino.
eh.eh.eh.gabrybabelle

Alligatore ha detto...

Natale a teatro con Servillo, che bello... è il miglior augurio Culturale che potessi fare! Kultur, Kultur...

andreacamporese ha detto...

Interessante quello che scrivi, davvero :) ho appena lasciato un intervento su Ikea... dopo aver letto quello che avevi scritto sulla casa svedese, mi era venuta la pelle d'oca. Già non mi stava simpatica, ora ancora di meno... ma forse...
Saluti

Fra ha detto...

Ciao Gio...compitino natalizio da me che ti aspetta...così ti passi la mattina ;D
Bacio
Fra

SCHIAVI O LIBERI? ha detto...

Ciao Giò, grazie per il consiglio: ammetto la mia ignoranza in materia visto che non conoscevo l'evento.
Un caro saluto e buone feste.

Blogger ha detto...

Ci diamo alla cultura?
Guarda che fa male!
Un saluto, Buon natale.

Ti consiglio le intellettuali di Mollier (si scrive così? non credo).

Blogger

l'incarcerato ha detto...

Grazie per queste preziosi informazioni sugli eventi culturali.

E sono passato per augurarti buone feste.

Sei un adorabile testa di capra! ;)

Pietro ha detto...

Servillo è una forza della natura, a livello di G.M. Volontè.
Ciao e Auguri laici

La Mente Persa ha detto...

@Blogger: conosco questa commedia di Molière, mai vista a teatro però :((
Auguroni :)

@Incarcerato e Pietro:
auguri laici a queste due teste di capra :P

Squilibrato ha detto...

Buon Natale!

Lara ha detto...

Felice Natale, cara Gio!

Ciao :)

stellavale ha detto...

Complimenti per il premio!

loris ha detto...

E' un piacere e una necessità potersi scambiare gocce di cultura nel momento in cui la desertificazione avanza a 360 gradi.
Auguri sempre più laici :-)

Simone ha detto...

Buon Natale Mente Persa!

pierprandi ha detto...

Mi hai incuriosito, andrò a vederlo alla prima occasione. Un saluto

il monticiano ha detto...

Allora leggi questo commento, cara Mente Persa. Se, come penso, tra le arti tu ami anche il teatro, potresti dare una risposta a questa mia domanda? Perchè in TV il teatro,la musica classica e quella lirica che a me piacciono (e non credo di essere solo)vengono mandati in onda in orari impossibili? Io propongo, e magari raccolgo pure le firme, di sostituire, ad esempio, porta a porta (così ci togliamo dai cabasisi qualche vespa fastidiosa), con qualcosa di Eduardo o di Puccini. In prima serata. Cose semplici alla portata di tanti.Non mi sembra di chiedere troppo.

La Mente Persa ha detto...

@Caro Aldo,
E come spaventiamo gli italiani senza fargli vedere il rompi cabasisi Vespa con in mano il plastico di qualche delitto?

Sia mai che proponendo in prima serata l'arte lirica o teatrale gli italiani si accostino al bello dell'intelletto e spinti verso l'amore per gli ideali finiscano pure per votare in modo coscienzioso.
Non credo, no, dall'alto non voglion questo. Essi predirigono dare in pasto ai cervelli la brodaglia dei reality, prodotti di sotto marca nati per le masse ignoranti ma divenuti pane quotidiano di molta gente istruita.
La vera differenza è questa rispetto al tempo che fu,l'apprezzamento dei prodotti televisivi "leggeri" sta conquistando chiunque omologando il pensiero.

Sono pessimista, ma il Natale mi fa questo effetto :)
gio

il monticiano ha detto...

@La Mente persa. Mi arrovello e mi chiedo perchè condivido ogni frase, ogni parola, ma che dico, ogni sillaba di quello che commenti al mio commento? Godo nel sapere che in giro per l'Italia ci sono ancora persone che non hanno portato il cervello all'ammasso.

Gap ha detto...

Cara Mentuccia,
un teatrale saluto con auguri di un anno più felice per tutti.

La Mente Persa ha detto...

@Il Monticiano e Gap:
auguroni a entrambi :)

Basir Seerat ha detto...

excellent , it's a play show , i mean theater in Ataly. i am aslo bechlar of Arts from Deportoment of Theater and cinema.
love the arts , espacialy Shakspeir play's.

il monticiano ha detto...

Ti ho già fatto gli auguri per il 2009? Non ricordo ma, che ne dici, vale la pena di scambiarceli quando già si comincia a capire che aria tira? Per favore, vi prego, non voglio crepare con questi soggetti al potere.

La Mente Persa ha detto...

Ciao Aldo,
Non ti preoccupare, anche io sbaglio a commentare i post e anche spesso.
Gli auguri doppi sono sempre meglio ;)
gio

PS: speriamo che sti soggetti non si allarghino troppo!