lunedì 12 gennaio 2009

Le fiamme e la ragione



"Le fiamme e la ragione"
Spettacolo teatrale di Corrado Augias

"… Io sorgo impavido a solcare con l’ali l’immensità dello spazio, senza che il pregiudizio mi faccia arrestare contro le sfere celesti, la cui esistenza fu erroneamente dedotta da un falso principio, affinche’ fossimo come rinchiusi in un fittizio carcere ed il tutto fosse costretto entro adamantine muraglie. Ma per me migliore è la mente che ha disperso ovunque quelle nubi…
Giordano Bruno - filosofo, scrittore, 
morto in nome della libertà di pensiero il 17 febbraio 1600.


Corrado Augias interpreta a teatro lo spettacolo: “le fiamme e la ragione” sulla condanna a morte del filosofo, frate domenicano, Giordano Bruno, uno dei pensatori scientifici innovatori del XVI secolo, il lotta sino alla fine contro la Santa Inquisizione per non abiurare il suo credo sull’esistenza di universi infiniti.
Nella rappresentazione teatrale, Augias, analizza le motivazioni politiche, culturali, religiose e sociali, insite nella sentenza a morte voluta dalla Chiesa per il pensatore Giordano Bruno. 
Questa fine atroce è il simbolo della lotta della religione cattolica contro le ragioni scientifiche.  
Alla scienza la fede contrappone i suoi vetusti dogmi, i soli in grado di sottomettere il popolo alle credenze religiose facendogli accettare, in momenti storici di pesante miseria, il potere temporale e i fasti dei prelati romani.

“Il rogo del 1600 - scrive Augias - segna il massimo tentativo della Chiesa cattolica di esorcizzare il nascente pensiero moderno''. 

Profondo l’intervento del giurista Gustavo Zagrebelsky. Egli parla di due grandi principi della Chiesa in antitesi tra loro: verità e carità. Attraverso la verità la religione cattolica decide di imporre una visione dogmatica del mondo, questa genera conflitto e astio tra gli uomini. 
Il valore della carità tende, al contrario, a creare empatia, comprensione, tra gli esseri umani. Solamente attraverso la carità, ci racconta Zagrebelsky, potrebbe partire un ragionamento atto a trovare punti di vicinanza fra le persone e le basi per favorire una convivenza civile, ma la religione preferisce servirsi della carità per il conforto, mentre lascia i rapporti umani tra le sbarre dell'intolleranza scegliendo l'indiscutibile verità.

Tutt'oggi, gli argomenti portati a teatro da Augias, si rivelano attuali se commisurati a temi come la  laicità dello stato o il ruolo delle religioni negli attriti tra i popoli.

Uno dei fili conduttori della messa in scena è l'abiura di Galileo Galilei. Lo scienziato, in ginocchio di fronte al tribunale ecclesiastico, dovette pronunziare le seguenti parole in cambio della salvezza della sua vita terrena:

"Io Galileo, [...] giuro che sempre ho creduto, credo adesso, e con l'aiuto di Dio crederò per l'avvenire, tutto quello che tiene, predica e insegna la S.a Cattolica e Apostolica Chiesa.  Ma perché da questo S. Off.o, per aver io, dopo d'essermi stato con precetto dall'istesso giuridicamente intimato che omninamente dovessi lasciar la falsa opinione che il sole 

sia centro del mondo e che non si muova e che la terra non sia centro del mondo e che si muova, e che non potessi tenere, difendere ne insegnare in qualsivoglia modo, ne in voce ne in scritto, la detta falsa dottrina, e dopo d'essermi notificato che detta dottrina è contraria alla Sacra Scrittura, scritto e dato alle stampe un libro nel quale tratto l'istessa dottrina già dannata e apporto ragioni con molta efficacia a favor di essa, senza apportar alcuna soluzione, sono stato giudicato veementemente sospetto d'eresia, cioè d'aver tenuto e creduto che il sole sia centro del mondo e imobile e che la terra non sia centro e che si muova; Pertanto volendo io levar dalla mente delle Eminenze V.re e d'ogni fedel Cristiano questa veemente sospizione, giustamente di me conceputa, con cuor sincero e fede non fìnta abiuro, maledico e detesto li sudetti error

i e eresie, e generalmente ogni e qualunque altro errore, eresia e setta contraria alla S.ta Chiesa [...] Io Galileo Galilei sodetto ho abiurato, giurato, promesso e mi sono obligato come sopra; e in fede del vero, di mia propria mano ho sottoscritta la presente cedola di mia abiurazione e recitatala di parola in parola, in Roma, nel convento della Minerva, questo dì 22 giugno 1633. [...] "





- - - - - - - - - - - - - - - - - - - - -

APPELLO PER NIKI 

DAL BLOG SCHIAVI O LIBERI


 

Per la verità, per fare in modo che la giustizia quella vera trionfi, per non dover più dire " si è trovato nel posto sbagliato nel momento sbagliato", per non dover più vedere una madre piangere il proprio figlio senza aver giustizia, per restare esseri umani, per una società migliore, perchè ancora bisogna lottare contro un mondo profondamente ingiusto.


Questi sono i link dai quali potrete conoscere la storia di Niki:

http://nikiaprilegatti.blogspot.com/

http://nikiaprilegatti.blogspot.com/2008/10/questo-sono-io-prima-del-19062008.html

http://www.beppegrillo.it/2008/11/niki_non_ce_piu/index.html


Una volta venuti a conoscenza, se lo ritenete opportuno, inviate personalmente la lettera sottostante e firmatela con il vostro nome e blog di riferimento se lo possedete, passate parola e diffondete l'iniziativa in questi giorni.

Inviate la lettera a questo indirizzo :
annozero@rai.it

Oggetto: Verità per Niki

Stimatissimo signor Santoro,chi le scrive è un comune cittadino che ha deciso di non rimanere più indifferente ai continui soprusi che quotidianamente assiste in maniera inerme. Ho deciso di scriverle innanzitutto per porle l'augurio che continui con la sua trasmissione che considero un importante e vitale polmone di verità in mezzo a tanto degrado dell'informazione.Le vorrei chiedere con grande convinzione che lei si occupasse di un fatto grave accaduto di recente. Qualche tempo fa ne parlò Grillo, alcuni giornali ne riportarono la notizia, ma poi più niente. Buio totale. E c'è una madre sofferente che invoca giustizia. Suo figlio, Niki Aprile Gatti, era stato arrestato preventivamente per truffa telefonica, lavoravain una società di San Marino, fu trasferito direttamente nel carcere di super sicurezza a Sollicciano.Dopo tre giorni fu ritrovato morto. Dicono suicidato. Ma la madre è convinta, anche grazie ad alcuni elementi, che il ragazzo sia stato ucciso.Perchè? Forse la verità andrebbe ricercata proprio nell'inchiesta, purtroppo volutamente bloccata, di de Magistris. Le chiedo, signor Santoro, di contattare la signora Ornella Gemini, madre di Niki, tramite il suoindirizzo:
mondadori.avezzano@gmail.com, ha aperto anche un blog: http://nikiaprilegatti.blogspot.com/ e la esorto a trattare l'argomento tramite la sua trasmissione.Per maggiori dettagli qui c'è il racconto della signorahttp://nikiaprilegatti.blogspot.com/2008/10/questo-sono-io-prima-del-19062008.html e qui la video intervistahttp://www.beppegrillo.it/2008/11/niki_non_ce_piu/index.html

Con stima,
segue firma con nome e cognome.


26 commenti:

TIZIANO TESCARO communicator,Vicenza ha detto...

Ciao Giò... prima di leggerti volevo salutarti... buona giornata carissima... :-))

Fra ha detto...

Molto illuminante lo spettacolo di Augias...l'attualità del pensiero di Bruno è sconvolgente, come sconvolgente è la chiusura mentale che ancora caratterizza la Chiesa.
La storia di Niki è agghiacciante, al più presto manderò la lettera ad anno zero
Kiss

Crocco1830 ha detto...

La tesi di Gustavo Zagrebelsky su verità e carità è illuminante. Io credo che sia davvero un'ottimo spunto di riflessione, sul ruolo della chiesa e sul suo modo di imporre il proprio pensiero.

Punzy ha detto...

quoto al 100% Crocco1830 e la tua segnalazione, of course.
L'appello l'avevo gia sottoscritto, sai se ci sono novita' in materia?

La Mente Persa ha detto...

@Crocco: Zagrebelsky ha anche fornito degli ottimi spunti di riflessione sulla coesistenza del dubbio e della fede. Secondo lui, cercare sempre nuove risposte e indagare sulla propria fede significa amare veramente se stessi e la propria ideologia. Chi non si mette in discussione non apprezza oggettivamente i suoi ideali e non evolve la sua spiritualità.

@Punzy: attendo news da Schiavi o Liberi o dall'Incarcerato :)

Daniele Verzetti il Rockpoeta ha detto...

L'Incarcerato ed io ti ringraziamo tantissimo.

Daniele

il monticiano ha detto...

Ogni tanto mi capita di non riuscire a postare un commento. Io però insisto. Specialmente in questa occasione. Corrado Augias, i suoi libri, le sue trasmissioni, le sue risposte su "la repubblica" e tanto altro ancora.Ne sono da tempo un ammiratore.
Ho lavorato per parecchi anni a pochi metri di distanza da Campo de'Fiori e ho più volte salutato Bruno Giordano.
La "chicca" di Galilei la conoscevo ma "assaporandola" di nuovo mi si è accapponata la pelle.

pierprandi ha detto...

Ciao Gio sono passato per un saluto e per dirti che c'è un premio anche per te sulla mia paginetta web (che già hai...Ma due è meglio di uno...). A presto
P.S. Ho già aderito all'iniziativa per Niki speriamo bene...

..:: Symbian ::.. ha detto...

Ho mandato la mail ad annozero.

http://cristianbelcastro.blogspot.com

Andrew ha detto...

mail mandata ovviamente

l'incarcerato ha detto...

Ti ringrazio nuovamente cara per aver contribuito all'appello!

Povero Giordano Bruno, ma chi glielo aveva fatto fare dire di credere all'infinito, a dire che Gesù era stato ucciso impiccato e non sulla croce, era pure un massone. Insomma aveva tutti i requisiti per essere bruciato vivo.

Un abbraccio cara!

La Mente Persa ha detto...

@Rockpoeta e Incarcerato: di nulla, era un dovere ;)
Pensa che la chiesa ha pure santificato il principale accusatore di Giordano Bruno!

@Monticiano: salutami la statua quando ci passi davanti :)

@TUTTI: grazie per la mail ad AnnoZero!

articolo21 ha detto...

Tutti per Niki

il monticiano ha detto...

Per i saluti a Giordano puoi stare tranquilla, se vuoi posso anche salire sui gradini e abbracciarlo e baciarlo in tuo nome, vece e luogo.
Adesso finalmente ho capito, grazie a te, perchè le zanzare non si son fatte vedere lì ad "H"...c'era il Buster!
Hai proprio ragione.

La Mente Persa ha detto...

@Monticiano: si salutamelo. Poi appena torno a Roma vengo a pregarlo: con tutti i casini di questa Italia, un pò della vitale energia del Bruno non può far che bene :)

Gap ha detto...

Se non lo conosci, un po' di anni or sono usci una ottima biografia, e non solo, del filosofo di Nola. L'autore è Anacleto Verrecchia, il titolo semplicemente "Giordano Bruno", Donzelli editore; all'epoca 44.000 lire.
Come ho scritto in un post quando ancora non mi leggevi, buon per te, ho raccontato che il 17 febbraio molte persone si recavano sotto la statua, chi portava un fiore, chi sostava in silenzio. Era una cosa molto bella e coinvolgente. Ci si trovava lì senza darsi nessun appuntamento, era pura condivisione di idee. Se alzo gli occhi dalla tastiera, ho davanti un piccolo quadro che raffigura Giordano Bruno, un piccolo quadro con la chiesa di Santo Stefano a Bologna e una foto di Coppi. Perché te l'ho detto e che cosa significa non lo so. Vedi tu.

Sabatino Di Giuliano ha detto...

Scusami, ho letto il tuo interessante post. Ma qui volevo farti saper che sabato scorso mentre ero in difficoltà in mare (remavo con la bora ed ero solo nel golfo!!!) tra le cose a cui ho pensato era il tuo blog.
Al titolo e al fatto che era adatto a me...
Ho riportato l'accaduto e il nome del tuo blog, per questo motiv, sul post del giorno Sabato 10 gennaio 2009 - Day 71.
Buonanotte
Sabatino

♥gabrybabelle (^..^) ha detto...

sai jo c'è stato un tempo in cui Augias non mi piaceva,mi chiedevo sempre quanti anni poteva avere-Visto che lo ricordo sin dai tempi della fanciullezza e le suore
(si haimè anche questa la mia family non mi ha fatto mancare nulla)ci facevano guardare un programma nel pomeriggio che trovavo noioso,cosi i ricordi spesso "imbavagliano" il cervello-Oggi l'ho riscoperto,sopratutto ho riscoperto la sua sottile ironia,che alle volte(refusus) mi da un senso di...ma il piu delle volte la capisco e sono d'accordo-Mi piace sopratutto la sua presentazione molto personale che fa dei libri-
Ovvio dirti che sono un'ammiratrice di Giordano bruno,potevi dubitarlo?Penso che se fossi vissuta"illo tempore" l'avrei spalleggiato,in vesti maschili,of course,sai come erano quei tempi,meglio era indossare i calzoni-

♥gabrybabelle (^..^) ha detto...

Ohhhhhh,ho visto il tuo "algoritmo" del professor Pinetti,quale sorpresa "Red Shadow"??Ogni volta che incontro qualcuno con quel nome,nickname, o che altro mi viene da sorridere,alle superiori ho passato dei periodi a Londra,non mi piaceva gabry cosi mi facevo chiamare Shadow,shadow dell'ombra,l'uno la traduzione dell'altro-Tanto che ho un account I.D. su piattatforma Windows,con questo nome-eh,eh,eh,-non quella pricipale,regolare,del lavoro,diciamo un'altra,dove mi faccio arrivare altre e@mail

La Mente Persa ha detto...

@Gap: vicino alla scrivania ho una foto di "Drugo" Lebowski - ha sostituito Kerouac, le mie ex colleghe trovavano Kerouac troppo figo e continuavano a chiedermi chi era -. Accanto a Drugo, una paginina di Ver Sacrum disegnata da Klimt.
Vabbé dopo queste confidenze da feuilletton ti ringrazio per il consiglio "librario".
Meno male che non passa il Russo a prenderci per i fondelli... ;)
Gio

and ha detto...

di passaggio. augias è una delle poche cose che guardo in tv.

La Mente Persa ha detto...

@Gabry: A me piace moltissimo, lo seguo fin da piccola. Ho letto diverse sue inchieste giornalistiche. E' sempre molto chiaro nel raccontare gli eventi.

La Mente Persa ha detto...

@And: pure io :)

♥gabrybabelle (^..^) ha detto...

eh,eh,e cara Jo',dopo il colpo che t'e preso,
la macchia di caffè sui pantaloni...hai hai hai.
debbo scusarmi ,quindi t'invito a leggere
qualcossa di "diverso"
Non è insolito,ma è mio angolino un po'
particolare dove ogni tanto
la fantasia corre...galoppa..



QUI

EH,EH,EH

p.s. del p.s dimenticato,di un p.s. da ricordare:
Jo,Cancerina con l'amore per la Box????
Hummmmmmm,te non me la conti giusta,con l'amore per il teatro fai il paio ad una grande venere o mercurio nel segno del Leone,altro che pizza a ciufoli""hi.hi.hi.

LENINGRAD COWBOYS ha detto...

Mi piace molto il tuo blog. Leggere i tuoi post mi consola e mi fa sperare. Inquanto al popoletto italiano non credo ci sia speranza. Auguriamoci che berlusca crepi presto: triste ma è l'unica soluzione

Marco

La Mente Persa ha detto...

@Gabry: allora vengo a lasciarti un commento nell'altro blog :)

@Leningrad: grazie Marco. Per me è la stessa cosa.