martedì 14 aprile 2009

Ode all'Ascella




Ode all'Ascella puzzolente sul tram numero 20.


Cara ascella, nella stagione delle rondini, sei il mio tormento.
Salgo sul tram e al tepor del tuo olezzo quasi svengo.

Ti guardo e la tua aureola scura sulla maglietta unta è un vero ammonimento.
Ahimé, di contanti barbari nella conoscienza del bagnoschiuma è composto lo sciame umano?
Deodorante, toilette serale, biancheria lavata, noi lindi, incazzati con biasimo, una lezione di pulito per certe persone  serbavamo...


Donne anziane, manager incravattati, giovani sgallettanti, a tutti appartieni,
ora capisco la tua democrazia, tu non discerni a chiunque tieni!
Se il Premier tronfio gongola sul bel paese, tu colpisci pure lui con il tuo arnese:
e non capite male voi, mica è quello! Cito sol il cattivo effluvio di odore,
mica il pensiero nefasto di cosa fareste a chi pago del populismo lo vota senza pudore!

Cara ascella, vestita con multicolore, nuda, con flora o senza, solo se pezzata generi un gran timore,
quello di esserti accanto anche per poche ore.

Domani avremo un nuovo appuntamento e una sol confidenza mi permetto:
"naufragar non m'è dolce in questo mare".



- - - - - -- - - -- - - - --  Genesi dell'ode: ore 17.00 sul tram affollato dopo una giornata di calura primaverile mentre riflettevo la mia triste sorte: quella di annusare gli odori di chi con la bocca lodava l'umanità di alcuni rappresentanti delle istituzioni, (anche cattoliche), nella loro passerella in Abruzzo!






16 commenti:

pierprandi ha detto...

L'ascella maleodorante... Una piaga che colpisce il belpaese a tutte le latitudini e longitudini...Che fa il pari con gli odori nauseabondi dei sedili dei treni....Ciao Gio

Vincenzo Cucinotta ha detto...

Bellissim post, molto divertente!
Nel mio libro, dedico una paginetta alla questione degli odori. Forse ti sorprenderà, ma l'ideologia c'entra pure lì, nel medioevo l'odore ascellare era apprezzato e ricercato, è un fatto ampiamente documentato :)

Lara ha detto...

Esilarante :D
Ma il problema esiste, eccome!!!
Anche cambiare linea di autobus serve a poco, se non ad andare dove non occorre.
Se poi, "i maleodoranti" parlano pure, è un disastro vero e proprio.

Ciao Gio, sei favolosa!
Lara

loris ha detto...

il meglio deve ancora venire.
Essendo primavera l'effluvio è filtrato da magliette camice e quant'altro con l'arrivo dell'estate la versione "tutta natur" sui mezzi pubblici ti rimette in pace con la vita.

Lucien ha detto...

Oltre alle ascelle allora anche le parole "puzzavano" e non poco.

Fra ha detto...

sei un genio gio...la lode all'ascella è fenomenale...ora attendo quella dell'alitosi che ci appesta l'ufficio
Un bacio
fra

Punzy ha detto...

sono estremamente sensibile al tema delle puzze corporee

solidarieta'

ALEPH ha detto...

Meglio di Baudelaire! Molto , molto meglio! Brava.

La Mente Persa ha detto...

@Pier: per i treni non basterebbe un poema!

@Vincenzo: quale rivelazione!
Per fortuna nella mia casa ascella puzzolente non fa rima con caliente!!!

@Lara: no? E io che volevo provar con l'89!

@Loris: infatti, quella del mago Otelma ve la cuccate voi a Genova :))))

@Lucien e Fra: parole + alitosi = morte della vita nel cervello!

@Punzy: puzze urbane da lista dell'odio!

@Aleph: Baudelaire rimane inarrivabile, mi accontento di imitare Bondi :D

la signora in rosso ha detto...

mi chiedo ma a quelli che puzzano le ascelle, non se ne rendono conto? l'odore che detesto di più è quello derivato dai vestiti sintetici....per fortuna vado in bici, uso raramente l'autobus

La Mente Persa ha detto...

@Signora in rosso: credo se ne freghino! Io voglio comprarmi il motorino...

Le Favà ha detto...

L'igiene è sempre un mistero :P

Per il resto bellissima, e quasi quasi potrei dirti che ti amo. Uhm. Nah. Hai già i tuoi spasimanti che ti vogliono portare a predappio :P

hahaha.

Ciao Gio!

La Mente Persa ha detto...

@Favà: Taci! Mi ha chiesto di uscire, non capisce, non capisce!!!!

il monticiano ha detto...

A bella pupaaa! Ma mò te metti a scrive pure a rima?...'mmazza sì quanto sei bbrava!
M'ha da capi'...doppo le magnate de sti du' giorni de festa me so' dovuto da bevere un par de bicchi d'olio de ricino (c'iavevo nostargia de' bei tempi) e lo stommico nun avrebbe aretto anche er profumo de sotto l'ascelle.
Te posso acconfida' un segreto tra mme e tte? tanto chi ce sente. Allora...Si quer profumo è de femmina a me nun me ne frega gnente, l'assaporo uguarmente...m'è arimasto solo quello!!!

ps. Stranamente, credimi, non ho mai avuto quel problema. Chissà come mai?
2°)ps. dopodomani metterò sul blog
uno scritto in due parti in una delle quali sfioro leggermente il comicissimo problema del ciccione
nel video.

Alligatore ha detto...

In nostro amato Buk diceva "quello che mi importa è grattarmi sotto le ascelle", puzzolenti o meno. Ci vorrebbe una bella doccia all'entrata del mezzo e poi nudi durante il viaggio.

La Mente Persa ha detto...

@Aldo: 6 un mito e attendo con ansia il citato post. Grazie per aver accolto la mia richiesta di commento.

@Alligatore: basterebbero quelle salviettine pulisci e getta :)))