martedì 7 aprile 2009

Scusate, desidero sottolineare!

La tragedia del terremoto in Abruzzo ha congelato le mie parole. 
Vi prego di perdonarmi. Negli ultimi due post potete trovare tutte le indicazione per dare aiuti materiali a chi soffre per questa enorme disgrazia e anche alcuni link a blog super aggiornati.

Desidero sottolineare, qualore vi fosse sfuggita, questa dichiarazione del Premier su Repubblica di oggi (per il link cliccate QUI):


"Ringraziamo i paesi stranieri per la loro solidarietà ma invitiamo a non inviare qui i loro aiuti. Siamo in grado di rispondere da soli alle esigenze, siamo un popolo fiero e di benessere e li ringrazio ma bastiamo da soli". Lo afferma il premier Silvio Berlusconi, nel corso di una conferenza stampa sulla situazione in Abruzzo.

"Mi piacerebbe che si costruisse qui la prima new town". Lo afferma il premier Silvio Berlusconi nel corso di una conferenza stampa. "Ci saranno investimenti dei privati - prosegue - e insieme con la disponibilità delle banche si potrà arrivare ad avere rapidi mutui inferiori o pari al canone di locazione". Per quanto riguarda da ricostruzione Berlusconi ribadisce "la possibilità di utilizzare il fondo catastrofi dell'Europa e poi - aggiunge - saranno messi a disposizione tutti i soldi necessari".


Il pensiero corre a Licio Gelli:

"Per quanto concerne la realizzabilità del piano edilizio in presenza della caotica legislazione esistente, sarà necessaria una legge che imponga alle Regioni programmi urgenti straordinari con termini brevissimi surrogabili dall'intervento diretto dello Stato; per quanto si riferisce in particolare all'edilizia abitativa, il ricorso al sistema dei comprensori obbligatori sul modello svedese ed al sistema francese dei mutui individuali agevolati sembra il metodo migliore per rilanciare questo settore che è da considerare il volano della ripresa economica;"

b1) Nuova legislazione antiurbanesimo subordinando il diritto di residenza alla dimostrazione di possedere un posto di lavoro ed un reddito sufficiente (per evitare che saltino le finanze dei grandi Comuni);
b2) nuova legislazione urbanistica favorendo le città satelliti e trasformando la scienza urbanistica da edilizia in scienza dei trasporti veloci suburbani;"

questo pezzo è estratto dal Piano P2.




12 commenti:

la signora in rosso ha detto...

il lupo perde il pelo ma non il vizio.... o forse avvoltoio?

Crocco1830 ha detto...

Ho pubblicato un post oggi, in cui dico perchè proprio ora è il tempo della polemica. Usando quel termine in contrapposizione a quanti escludono le critiche, in nome di una finta unità nazionale e falsi sentimenti di umanità.
Il post terremoto è già iniziato. E puzza fortissimo di speculazione!

Le Favà ha detto...

Un popolo fiero...
Spendiamo soldi a cavolo e lui rifiuta aiuti. Ma chi crede di essere?

Si sa come reagisce ogni volta lo Stato. Basta vedere le altre volte. gli altri terremoti anni, anni, per ridare la casa a chi l'ha persa. Anni per dargli dignità.

Incivile e incapace. Ecco cosa è per me. Incivile e incapace.

♥gabrybabelle ۶(๏̯͡๏)۶ ha detto...

la risposta è semplice:Quando si accettano "aiuti Itarenazionali" poi bisogna rendere conto di ogni singolo cents,c'è chi mi ha scritto di NON fare polemiche,io credo che la "Jena ridens" sia la polemica fatta perona o se preferisci ad personam-E0' nato palazzinaro,quindi come qualcuno t'ha scritto"Il lupo perde il pelo MA non il vizio" Le forze civili sono state e sono meravigliose,speriamo che NON vengano intaccate dal vizio,ci ritroveremo in pieno "Terremoto Irpinia"ricordi chi comandava il paese allora?
Va be,lasciamo perdere niente polemiche Jo,

SOLIDARIETA'ITALIANA
«La Caritas Italiana, in stretto contatto con i direttori delle Caritas diocesane di Abruzzo-Molise e con i vescovi locali, cerca il sostegno materiale, valutando in questa prima fase le esigenze che emergono nelle comunità e nei luoghi provati dal sisma, per poter attivare interventi adeguati». Il comunicato rende noto le modalità per fare arrivare gli aiuti. Per sostenere gli interventi in corso [causale «Terremoto Abruzzo] si possono inviare offerte a Caritas Italiana tramite C/C postale n. 347013 o tramite Unicredit Banca di Roma Spa IBAN IT38 K03002 05206 000401120727 Offerte sono possibili anche tramite altri canali, tra cui:

• Intesa Sanpaolo, via Aurelia 796, Roma – Iban: IT19 W030 6905 0921 0000 0000 012
• Allianz Bank, via San Claudio 82, Roma – Iban: IT26 F035 8903 2003 0157 0306 097
• Banca Popolare Etica, via Parigi 17, Roma – Iban: IT29 U050 1803 2000 0000 0011 113
• CartaSi e Diners telefonando a Caritas Italiana tel. 06 66177001 [orario d’ufficio].

Sms per l' Abruzzo al 48580:ogni SMS inviato contribuira' con 1 euro,interamente devoluto al Dipartimento della Protezione Civileper il soccorso e l'assistenza.
Chiamando da rete fissa Telecom Italia:sara' possibile donare 2 euro,utilizzando lo stesso numero 48580.


P.s.per quella "cosa" di cui ti accennai per e@mail,sto' riflettendo,seriamente,perchè non so' nememno io come affrontarla,figurati parlarne,sono molto triste,ma la vita va avanti finchè vorra'!
Ciao Jo' facciamoci forza!

progvolution ha detto...

tragedie = sciacalli
Sussurri obliqui

Confinidiversi ha detto...

Mi hai fatto venire in mente un pezzo di satira devastante uscito oggi su spinoza,in particolare l'ultima battuta. Ora che ho letto il tuo post mi è più chiaro:

"Secondo gli esperti, il sisma è stato trenta volte meno intenso rispetto a quello dell'Irpinia. Ma la ricostruzione renderà trenta volte di più."

Vincenzo Cucinotta ha detto...

Ti dirò sinceramente che la cosa mi lascia un po' perplesso. Capisco che Gelli fosse un uomo estremamente influente, come certo lo è stato (o lo è ancora?) Andreotti, ma sono restio a credere all'ipotesi del burattinaio.
Io sostengo sempre che il problema del mondo stia nella sostanziale anarchia derivante dai meccanismi di mercato, e in ogni caso, non credo che questi potenti siano così capaci di elaborare un piano coerente e malvagio.

Rouge ha detto...

Concordo con Prog: sciacallo. E' la prima parola che mi è venuta in mente (ci stavo pure scrivendo su).

loris ha detto...

affacendato in altre cose mi era sfuggita la chicca delle sue dichiarazioni e il tuo intelligente accostamento al P2pensiero. Sicuramente gli squali del partito del cemento stanno arrotandosi i denti. Dobbiamo avere la capacità di fargli sentire il fiato sul collo e nel contempo fare "cultura" per far si che la ricostruzione avvenga su criteri ecologicamente avanzati sia nei materiali sia negli impianti e il tutto si deve inserire in processi di urbanizzazione equilibrata dove al primo posto ci sia comunque la qualità della vita.

La Mente Persa ha detto...

@Signora in Rosso: ti mando un link interessante segnalatomi da Le Favà.

@Le Favà: grazie per la preziosa segnalazione. Veramente triste come battuta. Lo Stato dobbiamo lottare per riaverlo come difensore dei nostri diritti.

@Vincenzo: penso spesso alla P2, secondo me prendono ispirazione da quanto scritto da Gelli, per esempio nel volere la separazione delle carriere o nel togliere importanza ai sindacati.
Non è mia opinione che riescano a controllare ogni cosa, ci sono leggi economiche e/o reazioni diverse rispetto alle loro aspettative, sicuramente leggo una nera matrice comune.

@Rouge: e io concordo con voi!

@Loris: tutto giusto anche se il tuo pensiero è senza punteggiatura ;)

LENINGRAD COWBOYS ha detto...

Ciao Gio, Lui è uno showman e non poteva non trasformare mediaticamente la faccenda in un'impresa a suo favore; purtroppo sto da tempo incominciando a pensare che Berlusconi non sia una anomalia ma il vertice di una montagna di merda che pian piano si sta scoprendo. Metaforicamente, il terremoto, ha solo facilitato la cosa.

La Mente Persa ha detto...

@Leningrad: lui è il vertice. E' come guardare il riflesso dell'immagine italiana in uno specchio!