sabato 2 maggio 2009

E finì per terra come un sacco timido



Ieri, primo maggio 2009, i morti sul lavoro sono stati parole pronunciate
da tante personalità dello spettacolo.
Fantasmi espressi in numero, frasi sul continuo aumentare delle statistiche.


1971: Chico Buarque de Hollanda canta la miseria di una vita strappata, in nome delle costruzioni nel Brasile di 40 anni fa, dai ladri di esistenze.
I versi incantano, restituiscono le persone, le anime degli affetti intorno a loro, denunciano l'apatica o cinica cronaca giornalistica senza uno spazio atto ad elevare il grido di rabbia contro chi poteva.


Sinistra è da qui che puoi iniziare.







Traduzione della canzone:

Amò quella volta come se fosse l'ultima
Diede un bacio a sua moglie come se fosse l'ultimo
E ad ognuno dei suoi figli come se fosse l'unico
E attraversò la via con il suo passo timido
Salì sull'impalcatura come se fosse una macchina
Costruì sul solaio quattro pareti solide
Mattone su mattone in un disegno magico
I suoi occhi imbottiti di cemento e lacrime
Sedette per riposare come se fosse sabato
Mangiò riso e fagioli come se fosse un principe
Bevve e gli venne il singhiozzo come se fosse un naufrago
Danzò e rise come se ascoltasse musica
E inciampò nel cielo come se fosse ubriaco
E fluttuò nell'aria come se fosse un passero
E finì per terra come un sacco flaccido
Agonizzò nel mezzo del marciapiede pubblico
Morì in contromano intralciando il traffico

Amò quella volta come se fosse l'ultima
Diede un bacio a sua moglie come se fosse l'unica
E ad ognuno dei suoi figli come se fosse il figliol prodigo
E attraversò la via con il suo passo ubriaco
Salì sulla impalcatura come se fosse solida
Costruì sul solaio quattro pareti magiche
Mattone su mattone in un disegno logico
I suoi occhi imbottiti di cemento e traffico
Sedette per riposare come se fosse un principe
Mangiò riso e fagioli come se fosse una macchina
Danzò e rise come se fosse il prossimo
E inciampò nel cielo come se ascoltasse musica
E fluttuò nell'aria come se fosse sabato
E finì per terra come un sacco timido
Agonizzò nel mezzo del marciapiede come un naufrago
Morì in contromano intralciando il passaggio pubblico

Amò quella volta come se fosse una macchina
Diede un bacio a sua moglie come se fosse logico
Costruì sul solaio quattro pareti flaccide
Sedette per riposare come se fosse un passero
E fluttuò nell'aria come se fosse un principe
E finì per terra come un sacco ubriaco
Morì in contromano intralciando il sabato.


"Construçao" by Chico Buarque De Hollanda


- - - - - - - -

1328 : milletrecentovenotto morti ogni anno. è la media dei caduti sul lavoro tra il 2003 e il 2005: poco meno di 4,5 morti al giorno . Nel 2006, 1280 'morti bianche'. per il 2007 il contatore, che riprendiamo dal sito di 'articolo21', si è fermato ben oltre i mille morti. il dato finale, che avremo fra qualche mese, non sarà diverso dagli anni precedenti. questo succede in italia, uno dei paesi più ricchi al mondo. a considerare solo la faccia emersa della tragedia, i dati ufficiali.
Dal sito: caduti sul lavoro

23 commenti:

la signora in rosso ha detto...

Le morti bianche sono una piaga..che una paese civile non dovrebbe avere........invece sempre di più!

il monticiano ha detto...

Tutta un'altra cosa rispetto a delle canzonette.
Non una canzone ma un'epica ode.
Quelle morti sono le più dolorose perchè si esce da casa non per un divertimento o una gita ma per andare a lavorare.

loris ha detto...

... veramente grande Chico Buarque, non ho potuto fare a meno di pensare a canzoni italiane che hanno trattato lo stesso argomento : "era bello il mio ragazzo" cantava Anna Identici e il periodo era più o meno analogo.
Ieri in molti come hai scritto tu hanno ricordato il dramma degli assassinii sul lavoro, forse bisogna anche imparare ad usare termini più corretti, alcuni lo hanno fatto con cognizione di causa ed altri in modo strumentale.
Non possiamo far finta di non sapere che c'è stato qualcuno che ha provato ad inserire una norma che avrebbe manlevato dalle responsabilità i dirigenti della ThyssenKrupp.Poverini loro dai loro uffici dispongono della carne umana, perchè processarli?
Ho trovato importante invece l'iniziativa del Sindacato che ha lanciato questa campagna di solidarietà per consentire ai figli delle vittime sul lavoro di poter avere un qualche cosa che, anche se in minima parte perchè la vita di un padre o di una madre non è compensabile, compensi per poter compiere i cicli di studi che diversamente sarebbero preclusi.
scusa se ricordo che dal 1 al 10 maggio facendo un sms al numero 48585 contribuiamo con un euro a questa importante iniziativa.

Fra ha detto...

sai ieri mi sono sentita l'intervista di Brunetta della Bignardi e per un attimo mi sono messa nei panni della signoria Maria, della massaia di voghera, della 'sdora, di chi è schifato e deluso da 50 anni di politica corrotta e demoralizzante e ho pensato "Ma questo è davvero bravo, questo è uno che FA"...poi sono rinsavita, ho pensato che molto di quello che i rappresentanti del PDL dicono non viene realizzato o viene realizzato in modo distorto e deleterio, però è questa la grande differenza, ciò che sta facendo inesorabilmente affondare la sinistra: il PDL FA, ha un programma,promette cose concrete alla gente, il PD si limita a sottilineare quanto sia "cattivo" lo schieramento opposto, ma non propone nulla di alternativo
scusa la lunga riflessione fuori tema, ci si vede lunedì sperando di non fulminarci in qualche cavo :D
kiss

Pietro ha detto...

insomma la Fra ha un po' ragione, sempre andando fuori tema...

Alligatore ha detto...

Una vera vergogna contro la quale pochi fanno qualcosa veramente, come fosse una calamità naturale, come il terremoto in Abruzzo. Grande Chico, ma oggi voglio ricordare anche Pete Seeger, che compie novan'anni, da sempre dalla parte dei lavoratori...

Andrew ha detto...

speriamo davvero!
bella la canzone

La Mente Persa ha detto...

@Loris: Oggi, dopo questa grande crisi, non mi sembra si stia facendo qualcosa di concreto per non ripetere gli errori del capitalismo: la ricchezza e le banche sono ancora al centro dell'attenzione dei governi, i lavoratori non possono che pagarne le conseguenza.
Mi ricordo le parole di un certo Marx sullo sfruttamente e il potere delle banche.
La VITA/NATURA devono tornare a essere il valore centrale nella politica.

La Mente Persa ha detto...

@Fra e Pietro: Si, la comunicazione del Pdl è efficace. Promette privilegi, soluzioni immediate e parla una lingua comune, facile.
Poi, avere il monopolio televisivo aiuta :)

La Mente Persa ha detto...

@Alligatore: è l'interesse verso la ricchezza a indignarmi, per me la vita umana ha un valore superiore a qualsiasi somma di "benessere".

loris ha detto...

...Sempre più, specialmente da quando la crisi ha mostrato le sue dimensione globalizzanti mi ritrovo a parlare di consumi consapevoli, di ridistribuzione, un modo diverso di affrontare tutto ciò che ci circonda. Il tutto si inserisce in assoluto in quello che possiamo definire un nuovo modello di sviluppo, dove per sviluppo non si intende ovviamente crescita. In questa progettualità i tempi del lavoro hanno un valore in assoluto diverso dall'attuale. Una sfida a un lavoro senza "incidenti".
Importante in tutto ciò è la capacità di intervenire sulla cultura del consumo. Credo che la sfida risieda proprio su quest'ultimo punto

♥gabrybabelle ۶(๏̯͡๏)۶ ha detto...

ma,saremo pure uno dei paesi piu' ricchi al mondo,in quanto a distribuzione della ricchezza ho seri dubbi,sul fatto che sia spalmata bene sui suoi 60 milioni di abitanti,visto che tanti per puro arricchimento si sono fatti prendere dall'asso,
NANO,pigliatutto,raccattando briciole e poco piu'
Ho letto con attenzione la traduzione di questa canzone,è bellissima- Ha un cuore grande chi riesce a far scaturire dalla sua mente queste parole-
Noi al contrario siamo un popolo di servi,anche chi non si sente d'esserlo,sostanzialmente lo è,il fatto stesso che ancora nel 2009 non si sia riusciti a debellare "questa mafia"lavorativa,sulla pelle dei poveri lavoratori che vanno in fabbrica a morire ne è sostanzialmente l'emblema!

La Mente Persa ha detto...

@Gabry: questo testo è magnifico, riesce a giocare con gli aggettivi dando la piena sensazione dell'ingiustizia nei confronti della vittima.
Qui la ricchezza continuano a distribuirla ma nei confronti dei potenti!
Le morti sul lavoro sono uno scandalo e sarebbero un buon punto di partenza nei lavori per "ricostruire" la dignità italiana.

Antonio Candeliere ha detto...

Carina la canzone.

Le Favà ha detto...

Non saprei che aggiungere. Io Passo, per salutarti.

rom ha detto...

Grazie per il post, Menteper sa.
Non scrivo in pace, anche se quello che sto scrivendo non vale niente.

La Mente Persa ha detto...

@Rom: se quello che scrivi comunica emozioni vale qualcosa, non saremo dei Bukowski e quindi senza impronte immortali ma almeno avremo vissuto.

Tua madre Ornella ha detto...

Bel post, molto sensibile...
forse perchè mi sento un pò come te..."una mente persa"...
Ti abbraccio
Ornella

Ormoled ha detto...

Io adoro Chico Buarque, la bossa nova, e tutto quel mondo che ancora conosco troppo poco... ma tornando al tema, la canzone è splendida, il testo di più. Non ho nulla da aggiungere, se non che il tutto lascia un velo di tristezza. La sicurezza sul lavoro riguarda tutti noi, sia lavoriatori sia i non lavoratori, e dovrebbe interessarci molto se non altro per il fatto che le prossime vittime potremmo essere noi, anche si lavorasse in un comodo ufficio all'ultimo piano di un palazzo. (non è il mio caso ma mi do una grattatina di scongiuro)
Bel post, ciao.

La Mente Persa ha detto...

@Ornella: un abbraccio a te :)

@Ormoled: Si, riguarda tutti noi e dovrebbe essere una delle prime soluzioni concrete su cui la sinistra potrebbe iniziare a lavorare.

Lario3 ha detto...

Che bel brano!!!

Grazie mille per il commento, CIAO!!!

Ormoled ha detto...

Sai che riascoltando a distanza di un po di giorni la canzone, segunedo il testo, ho ancora i brividi sia perchè è veramente bella, e son contento che me l'hai fatta conoscere, grazie davvero, sia perchè il testo è propio splendido, mi par quasi di vedere quel poveretto fare tutte quelle cose e sentire le sue sensazioni.
Ciao

La Mente Persa ha detto...

@Ormoled: mi fa piacere che ti sia piaciuta. Lui è un grande, leggiti la pagina inglese di wikipedia con la sua biografia.
Questo testo è pura poesia con un retrogusto nostalgico.