domenica 26 settembre 2010

La passione giovane...

Ferrara, 25 settembre 2010
"Non hanno ucciso il futuro"
Tavola rotonda con i famigliari di alcune vittime delle forze dell'ordine.




Nascondere. Vietare. Uccidere. Promuovere i colpevoli.
Questo è il cattivo Stato.
Scoprire. Lottare. Soffrire. Crescere di futuro.
Questa è la lotta, la dignità.

Federico Aldrovandi, Carlo Giuliani, Stefano Cucchi, Gabriele Sandri, Aldo Bianzino e Giuseppe Uva sono la passione giovane, la strada buona che ti porta a sfidare il corruttore.
Partecipare a una tavola rotonda come quella di Ferrara, in occasione dell'anniversario di Aldrovandi, ti offre spunti di riflessione e resistenza.
Non accusiamo la polizia, come ha ricordato Haidi Giuliani, vogliamo combattere l'omertà di colleghi che hanno coperto altri colleghi o che hanno guardato in silenzio certi colpevoli scalare brillanti carriere...

Per informazioni: http://www.reti-invisibili.net

10 commenti:

il monticiano ha detto...

E ti sembra poco?
La cortina di ferro è calata, prova a rimuoverla.

Alligatore ha detto...

Quando vuoi vieni sul mio blog. C'è un premio per te.
Splendido post questo tuo.

La Mente Persa ha detto...

@Monticiano: speriamo.
@Ally: arrivo subito!

loris ha detto...

... è grazie all'impegno di questi famigliari, se oggi possiamo affermare, che alcuni pezzi del muro dell'impunità, per gli episodi in cui sono coinvolte le "forze dell'ordine", viene a sgretolarsi.
non è molto, ma di una importanza enorme nel voler riaffermare un'etica dello Stato,

giardigno65 ha detto...

ma riusciremo a far morire il cattivo stato ?

Il rospo dalla bocca larga ha detto...

Segnalazione ottima... Speriamo partecipino in massa e contribuiscano a sciogliere ogni ombra che perennemente da tempo si aggira su una parte delle forze dell'ordine.

Arnicamontana ha detto...

è un tema che non potrà essere ignorato ancora per molto, 52 suicidi (reali o sospetti)nelle carceri italiane solo nel 2010 attendono risposte e giustizia, anche se il concetto stesso di giustizia e la sua applicazione in questo paese fa sentire male. Però siamo ufficialmente e istituzionalmente contro la pena di morte! Grazie di averne parlato e grazie del tuo passaggio da me.
ciao Arnica

ALEPH ha detto...

Ti hanno tolto qualcosina ma sono rimasti i fondamentali...:-)
Leggo sotto che gli anestetici ti hanno fatto dialogare col Capo. Già qualcosa. Ora? Tutto appppppostttoooooo?

Alligatore ha detto...

Come stai? ... fatti sentire!

Luz ha detto...

Bisogna tenere duro e non scordarsi mai che è proprio con le nostre piccole vite da cui non prendiamo mai le distanze che possiamo minare, a poco a poco, i piedi dell'orco che governa le nostre sorti.